NOTA! QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE E TECNOLOGIE SIMILI.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per leggere l'informativa sulla privacy clicca su leggi informativa.

Guida Borghi

  • Borghi antichi dal nome nuovo

    Un’indagine sulla storia dei Borghi più belli d’Italia mostra come un quarto degli iscritti al Club, cioè una sessantina, hanno cambiato nome parzialmente o completamente dopo l’Unità d’Italia.

  • La “Semeuse” francese veniva da San Donato Val di Comino

    La ragazza che si vede stilizzata sulle monete, sui francobolli e oggi sull’euro della Repubblica Francese, la famosa Semeuse (ossia Seminatrice), si chiamava Rosalia Pesce e veniva da Gallinaro, frazione di San Donato Val di Comino (Frosinone), uno dei borghi più belli d’Italia.

  • Le suore e i dolci dei borghi

    Le monache, si sa, sono anche abili cuoche. Molte ricette tradizionali si devono a loro. Spulciando tra i piatti più buoni dei borghi più belli d’Italia, si segnalano alcuni prodotti sopraffini. Nelle taverne di Stroncone (Terni) si gusta la zuppa di Suor Anita, a base di fagioli, ceci, lenticchie e cicerchie, e la polenta alla brace.

  • Roseto Due, il benessere

    Centro di circa 1.500 abitanti nella contea di Northampton in Pennsylvania, trae il suo nome da Roseto Valfortore (Foggia), uno dei borghi più belli d’Italia.