NOTA! QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIE E TECNOLOGIE SIMILI.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per leggere l'informativa sulla privacy clicca su leggi informativa.

Come rivela l’ultimo numero (2016-1) della «Rivista Italiana di Onomastica», Alda Rossebastiano, la più brava studiosa di onomastica piemontese, scoprì due anni fa il significato del cognome Bergoglio: da un quartiere antico di Alessandria, documentato nel Medioevo come Bergolius, a sua volta da un nome di persona (forse il proprietario del territorio), che così si chiamava da un luogo di provenienza (Bergolo?) indicante una collina oppure un “montanaro”.

Il nome di donna per eccellenza, nel mondo occidentale, è da secoli Maria. Oggi per le nuove nate non è più popolare: 12º a Napoli, 21º a Palermo, tra la 30ª e la 40ª posizione a Torino, Milano, Bologna, fuori dai primi 50 a Roma. Nessuna Maria è nata nel 2012 a Livorno, Ferrara, Messina, Mantova, L’Aquila, ecc.